Progetto calcio e integrazione: festa dello sport con vittoria per i nostri ragazzi contro il Ferentillo Valnerina

Una festa del calcio e dell’integrazione. Al Comunale di Arrone è andata in scena l’amichevole fra il Ferentillo Valnerina, formazione di Seconda Categoria e la squadra composta dai ragazzi che partecipano al progetto calcio e integrazione promosso dalla Polisportiva Ternana insieme con l’Associazione di Volontariato San Martino e il Laboratorio Idea.

La prima partita vera per i ragazzi allenati da Giuseppe Nicolai, che stanno per arrivare alla conclusione del ciclo di 200 ore di formazione ed allenamento calcistico gratuito che si aggiungono ai corsi di italiano ed all’avviamento al lavoro cui già i ragazzi prendono parte. Nello spogliatoio dei ragazzi ospiti dei centri d’accoglienza l’emozione per l’evento era palpabile ed ancora di più lo era la gioia alla fine, dato che la  partita si è conclusa con la vittoria dei ragazzi della Polisportiva Ternana per 3-1: “Abbiamo dimostrato che si può fare integrazione con lo sport e con il calcio – dice Giuseppe Nicolai – ma non è stata soltanto una crescita calcistica: sono migliorati sul lato umano, hanno imparato a rispettare le regole e anche a migliorare l’italiano. L’emozione e la gioia che hanno mostrato nel poter sfidare una vera squadra è il miglior premio al nostro lavoro, che continuerà”.

“E’ la vittoria dello sport – dice Maurizio Sciarrini, presidente della Polisportiva Ternana – la testimonianza che lo sport va oltre ogni barriera ed ogni pregiudizio. Per noi che seguiamo ogni giorno questi ragazzi è una gioia vederli giocare a compimento di questo progetto”. “I ragazzi sono stati molto entusiasti – sottolinea Silvia Moriconi dell’associazione di volontariato San Martino –  si sono impegnati molto, hanno imparato le regole e con questa partita hanno visto premiati i loro sforzi. A gennaio partirà un nuovo ciclo, con altri ragazzi, ma anche questi proseguiranno”.

Così Salif Dianda, ex giocatore della Ternana: “E’una bella cosa per loro, attraverso lo sport possono integrarsi, ma allo stesso tempo possono capire se qualcuno di loro può avere magari un futuro nel calcio. Per me lo sport è stato importante, io ho avuto la fortuna di partire da giovanissimo, per loro in questo momento è un modo per essere parte della società e allo stesso tempo imparare le regole”. Dianda è stato protagonista di un curioso siparietto che lo ha visto nelle vesti di massaggiatore, effettuando la distensione dei crampi su un giocatore della Polisportiva e di ‘traduttore’ con il medico sociale del Ferentillo per capire che tipo di dolore avvertisse il giocatore a terra, che non parlava ancora bene l’italiano.

Per completezza di informazioni, ecco le formazioni in campo (i portieri del Ferentillo Valnerina hanno giocato un tempo a testa con i ragazzi della Polisportiva, dato che la squadra manca di un portiere)

FERENTILLO VALNERINA: Miti, Bartoli M, Bartoli D., Di Biagi, Paglialunga, Giammari, Dianda, Toderi, Bianchini Riccardi, Bianchini, La Penna. Entrati st Casciotta, Bartolini L. All.Massarelli

POLISPORTIVA TERNANA (i giocatori si sono alternati):  Gande, Diarra, Keita, Kromah, Mballo, Kendes, Balde, Kande, Niang, El Hadji, Konè, Seidi, Abdoulaye. All. Nicolai

Marcatori: pt Abdoulaye, Keita (P), st Dianda (F), Abdoulaye (P)

Nelle interviste  video qui sotto Maurizio Sciarrini, Giuseppe Nicolai, Silvia Moriconi, i due marcatori della Polisportiva, Salif Dianda e il dirigente del Ferentillo Valnerina Romeo Papini. Si ringrazia per la collaborazione Alessandro Laureti, addetto stampa del Ferentillo Valnerina