Doppio terzo posto, grandi prove e tanti premi per le nostre squadre a Roma e Perugia

Grandi risultati e grandi esperienze per le nostre formazioni della Polisportiva Ternana. Due appuntamenti di prestigio nella scorsa settimana, uno a Roma ed uno a Perugia.

Il fine settimana è cominciato agli impianti della Longarina a Roma, per un torneo organizzato dalla Totti Soccer School. La formazione 2007 di Stefano Papa ed i 2009 di Matteo Boscarini hanno chiuso entrambe al terzo posto, dopo match tiratissimi e dopo aver vinto i rispettivi gironi.

Per quanto riguarda i 2009, la Polisportiva Ternana ha sfidato Totti Soccer School, Anxur Terracina, Tevere Roma ed Atletico Soccer Roma (nell’altro girone c’erano invece Ledesma Academy, Nuova Milvia Roma, DLF Civitavecchia, Cantera Napoli City e Raffaele Sergio Academy).

Vittoria per la formazione di Civitavecchia davanti alla Nuova Milvia con la Polisportiva Ternana che oltre alla medaglia di bronzo si porta a casa il premio come miglior giocatore per Simone Rosati.

I 2007 hanno invece sfidato Anxur Terracina, Spes Montesacro, Cantera Napoli City, Cuore Rangers Qualiano, Ledesma Academy, Raffaele Sergio Academy, CSL Civitacecchia. Vittoria per la Sergio Academy davanti alla Spes Montesacro. I nostri draghetti sono terzi, con Tommaso Santini nominato miglior portiere e Stefano Papa miglior allenatore.

Il giorno dopo invece Matteo Boscarini ha portato i suoi 2010 all’antistadio Renato Curi per sfidare in una amichevole i pari età del Perugia. Nonostante la sconfitta (su quattro tempi da 20′ ciascuno, 4-2, 3-1, 3-1, 2-1) i nostri ragazzi hanno tenuto testa con grinta ad un avversario molto bene organizzato

L’emergenza sanitaria ha fatto saltare per ora l’impegno che le squadre avrebbero avuto questa settimana, il test match di lusso sul campo della Lazio (quattro formazioni giovanili impegnate): il confronto sarà riprogrammato.

La Polisportiva Ternana, nella persona del presidente Maurizio Sciarrini, insieme a tutto lo staff tecnico, ringrazia le società organizzatrici per l’ospitalità e per l’alto livello delle sfide che sono state disputate.